Dentro l'opera

"Immergersi nell'immensità del Cosmo con la sua violenza ed energia esplosiva, e con la sua calma e silenzio infinito. Le stelle che nascono e diventano i soli, le stelle che muoiono, esplodono e diventano buchi neri, che divorano tutto: le gioie e i dolori. Luce abbagliante e buio totale. Eppure in tutta la sua violenza e molteplicità è di un'armonia unica, di un ordine perfetto.

 

Tutto ha un senso ben definito. Noi purtroppo molto spesso non riusciamo a comprendere questo ordine. Quando soffriamo siamo così immersi nel nostro dolore che non vediamo nient'altro, diventa per noi immenso come l'Universo intero.

 

E quando il dolore diventa insopportabile bisogna alzare gli occhi al cielo e guardare il cosmo infinito e allora, forse, possiamo accorgerci, che il nostro dolore sta diventando come un granello di sabbia, e ancora più piccolo, sempre più piccolo..."

 

©Joanna Brzescinska-Riccio

Scrivi commento

Commenti: 0